Diarrea

I microrganismi cattivi

Ambienti a condizioni igienico alimentari instabili e non controllabili, cambi repentini e diretti nel clima e nella temperatura aprono le porte del nostro organismo a batteri, virus, parassiti…

Per saperne di più
I microrganismi cattivi - Diarrea  - YOVIS VIAGGIO

COME PENETRANO I "MICRORGANISMI CATTIVI"?

La diarrea del viaggiatore può insorgere durante il viaggio ma anche farci la sorpresa di sopraggiungere al ritorno a casa: nausea, vomito, dolori addominali, febbre… fino alla evacuazione 'incontrollata'.
La permanenza di questi microrganismi ha solo carattere transitorio: da un minimo di 24 ore ad un massimo di 3-4 giorni. Solamente in casi estremi e particolari, la diarrea del viaggiatore può persistere per settimane, con disturbi in forma attenuata.

A partire dall'inizio degli anni '70 si è assistito ad un crescente flusso di viaggiatori internazionali. Alla fine del secondo millennio, le stime più attendibili indicano in 50-70 milioni il numero annuo di viaggiatori in partenza dai Paesi occidentali che attraversano le frontiere internazionali per recarsi in Paesi della fascia intertropicale del globo. Questi viaggiatori sono esposti a numerosi rischi sanitari, in particolare di natura infettivologica. Tra tali rischi, certamente la sindrome diarroica alias diarrea del viaggiatore è tra i più frequenti, se non il più frequente in assoluto.